TITOLO VI “AIUTI PER LA TUTELA DELL’AMBIENTE”

(Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n.17 del 30/09/2014)

BENEFICIARI

  • microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro);
  • imprese di piccole dimensioni (impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiori a 10 milioni di euro);
  • imprese di medie dimensioni (impresa che occupa meno di 250 persone e realizza un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro.

I soggetti proponenti alla data di presentazione della domanda di agevolazione devono essere regolarmente costituiti e iscritti nel Registro delle Imprese e realizzare un’iniziativa nell’ambito di uno dei codici Ateco 2007 ammissibili elencati nell’allegato dell’Avviso Pubblico.

ENTE EROGANTE
Regione Puglia

OBIETTIVO
Il presente strumento intende agevolare gli investimenti delle microimprese, delle imprese di piccola e media dimensione per l’ecientamento energetico.

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO
I progetti di investimento ammissibili devono prevedere una spesa non inferiore a € 80.000,00 per unità locale e conseguire un risparmio di energia primaria pari ad almeno il 10% dell’unità locale oggetto di investimento.
Sono ammissibili interventi di:

  1. ecienza energetica;
  2. cogenerazione ad alto rendimento;
  3. produzione di energia da fonti rinnovabili fino ad un max del 70% dell’energia consumata mediamente nei tre anni solari antecedenti la data di presentazione della domanda e, comunque, fino al limite massimo di 500 kW.

Le iniziative agevolabili devono essere riferite a unità locali ubicate nel territorio della Regione Puglia.

SPESE AMMISSIBILI
Sono ammissibili le spese per:

  1. acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, comprensivi delle spese in opere murarie e assimilate strettamente connesse ed indispensabili per consentire l’installazione degli impianti e dei macchinari (a titolo esemplificativo: basamenti macchinari, quadri e cavi elettrici degli impianti, etc.);
  2. le spese di progettazione ingegneristica (per la redazione del progetto tecnico) e di direzione lavori sono ammissibili nel limite del 5% dell’investimento ammissibile;
  3. le spese per la redazione della diagnosi energetica ex ante e della relazione finale dei risultati conseguiti nei limiti dell’1,5% degli investimenti ammissibili e nel limite complessivo massimo di € 10.000,00;
  4. interventi sugli involucri edilizi, con le limitazioni di seguito indicate: sono ammissibili entro il limite 20% della spesa complessiva, interventi di ecientamento sugli edifici funzionali turistico che svolgono attività ricettiva nell’ambito dei codici Ateco 55.10.00, 55.20.10, 55.30.00, 55.20.51 (ad esclusione di b&b ed attacamere); nel caso di interventi su strutture turistico-alberghiere indicate negli art. 3 e 14 della L.R. 11 febbraio 1999 n.11 e nel Regolamento Regionale 22 Marzo 2012 n.6, esistenti alladata di presentazione della domanda, il limite del 20% non si applica.

Si precisa che non sono ammissibili gli interventi sugli involucri edilizi (a titolo esemplificativo: sostituzione degli infissi, interventi strutturali, rifacimento/coibentazione delle superfici opache verticali e orizzontali, opere di impermeabilizzazione del capannone, etc.).
Le spese ammissibili dovranno derivare da atti giuridicamente vincolanti (contratti, lettere d’incarico, conferma d’ordine) da cui risulti chiaramente l’oggetto della prestazione, il suo importo, la sua pertinenza al progetto, i termini di consegna.

TIPO ED ENTITÀ CONTRIBUTO
Le agevolazioni saranno calcolate, indipendentemente dall’ammontare del progetto ammissibile, sull’importo massimo di € 4.000.000,00 per le medie imprese e di € 2.000.000,00 per le piccole e micro imprese.
La copertura finanziaria del piano di investimento finanziato dalla misura è prevista nelle seguenti percentuali:

  • 40% Sovvenzione diretta, quale contributo in c/impianti erogabile a conclusione dell’investimento;
  • 30% mutuo a carico del Fondo Mutui regionale al tasso pari a quello di riferimento UE (Calcolato in ragione di quanto previsto nella Comunicazione della Commissione UE relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione n.2008/C 14/02 pubblicata sulla Gazzetta Uciale dell’Unione Europea del 19/01/2008);
  • 30% mutuo a carico della banca finanziatrice (supportabile con garanzia Fidit tramite Azione 6.1.6 fino all’80% del finanziamento).

L’impresa richiede un finanziamento bancario che deve coprire il 60% dell’investimento. Il periodo di durata del finanziamento bancario non potrà essere superiore a 6 anni di ammortamento più due anni di preammortamento.
Con riferimento alla sovvenzione diretta, l’aiuto sarà erogato in forma di contributo in conto impianti e non potrà essere superiore al 40% dell’investimento ammissibile e all’importo massimo di 1.600.000,00 euro per le medie imprese e di 800.000,00 euro per le piccole e micro imprese.
Le imprese beneficiarie in possesso del rating di legalità (articolo 5-ter del decreto legge 24 gennaio 2012, n.1, convertito con modificazioni della legge 24 maggio 2012, n.27) beneficeranno di una ulteriore sovvenzione diretta, nella misura del 2% dell’importo del finanziamento erogato dall’Intermediario Finanziario all’impresa beneficiaria.

DOCUMENTI TECNICI OBBLIGATORI
L’ammissibilità del programma di investimento è subordinata alla presentazione dei seguenti documenti obbligatori:

  • una Diagnosi energetica ex ante (allegato n.5) riferita esclusivamente all’impianto o al sito oggetto dell’intervento, redatta da un tecnico abilitato iscritto all’albo, esterno all’organizzazione del proponente e senza vincoli di dipendenza con l’azienda o con il/i titolare/i dell’azienda proponente;
  • un Progetto Tecnico (avente carattere preliminare) in materia di energia redatto da un tecnico abilitato all’albo, interno o esterno all’organizzazione del proponente;
  • una Scheda tecnica riassuntiva dei parametri energetici del progetto tecnico proposto.

Allegati

  • Scheda

Sei interessato ...?

Se sei interessato a questo o a qualsiasi altro dei nostri servizi, vuoi ricevere maggiori informazioni o vuoi semplicemente rimanere aggiornato sulle attività ed i servizi di FIDIT, compila il form automatico che trovi a destra, verrai ricontattato da un nostro operatore.