TITOLO II – CAPO III – AIUTI AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

(Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione n.17 del 30/09/2014)

BENEFICIARI
1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro);
2. imprese di piccole dimensioni (impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiori a 10 milioni di euro);
3. imprese di medie dimensioni (impresa che occupa meno di 250 persone e realizza un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro.

CHE OPERANO IN UNA DELLE SEGUENTI CATEGORIE:
a) imprese artigiane, costituite anche in forma cooperativa o consortile, iscritte negli albi di cui alla legge 443/85 (legge quadro sull’artigianato);
b) imprese che realizzano programmi di investimento nel settore del commercio:
– esercizi commerciali di vendita al dettaglio ed all’ingrosso classificati esercizi di vicinato (esercizi con superficie
di vendita non superiore a 250 mq);
– esercizi commerciali di vendita al dettaglio ed all’ingrosso classificati M1, medie strutture di livello locale con
superficie di vendita da 251 a 600 mq (LR n.11/2003);
– esercizi commerciali di vendita al dettaglio ed all’ingrosso classificati M2, medie strutture di livello locale con
superficie di vendita da 601 a 1.500 mq (LR n. 11/2003);
– esercizi commerciali di vendita al dettaglio ed all’ingrosso classificati M3, medie strutture attrattive con superfie di vendita da 1501 a 2.500 mq;
– servizi di ristorazione di cui al gruppo “56” della “Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007”, ad eccezione delle categorie “56.10.4” e “56.10.5”;
– attività di commercio elettronico; per commercio elettronico si intende l’ attività commerciale – ovvero quella di acquisto di merci in nome e per conto proprio e la loro rivendita – svolta tramite la rete internet, mediante l’utilizzo di un portale o sito web (e-commerce).
c) imprese, non iscritte negli albi di cui alla legge 443/85, che realizzano investimenti riguardanti il settore delle attività manifatturiere di cui alla sezione “C”;
d) imprese del settore dei servizi di comunicazione ed informazione di cui alla sezione “J” della “Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007;
e) imprese del settore delle costruzioni di cui alla sezione “F” della “Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007”;
g) imprese di grande rilevanza sociale nell’ambito della Divisione Q “sanità e assistenza sociale” della “Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007”.
h) imprese che svolgono attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli.

SONO ESCLUSI:
1. pesca e acquacoltura;
2. costruzione navale;
3. industria carboniera;
4. siderurgia, così come definito nell’allegato B della disciplina multisettoriale degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti d’investimento di cui alla comunicazione numero C (2002) 315, pubblicata nella G.U.C.E. C70 del 19.3.2002;
5. fibre sintetiche;
6. attività connesse con la produzione primaria (agricoltura e allevamento).

ENTE EROGANTE
Regione Puglia

OBIETTIVO
Favorire lo sviluppo delle attività economiche delle micro, piccole e medie imprese facilitando l’accesso al credito.

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO
Progetti di investimento di importo non inferiori a € 30.000 per:
a. la realizzazione di nuove unità produttive;
b. l’ampliamento di unità produttive esistenti;
c. la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
d. il cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente.
Le iniziative agevolabili devono essere riferite a unità locali ubicate nel territorio della Regione Puglia e devono
tendere alla promozione del risparmio energetico, alla gestione sostenibile dei rifiuti e il recupero degli stessi oltre alla riduzione di emissioni di CO2, di sostanze acidificanti e di emissioni odorifere e sonore.

SPESE AMMISSIBILI
Sono ammissibili le spese per:
a. acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni entro il limite del 10% dell’importo dell’investimento in attivi
materiali;
b. opere murarie e assimilabili;
c. infrastrutture aziendali;
d. acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività di rappresentanza, nonché i mezzi mobili strettamente necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti, purché dimensionati all’effettiva produzione, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni; per il settore dei trasporti sono escluse le spese relative all’acquisto di materiale di trasporto e l’acquisto di automezzi è ammissibile esclusivamente nel caso di imprese di trasporto di persone;
e. investimenti finalizzati al miglioramento delle misure di prevenzione dei rischi, salute sicurezza sui luoghi di lavoro;
f. acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
g. trasferimenti di tecnologia mediante l’acquisto di diritti di brevetto e licenze, connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.
In caso di acquisto di un immobile, sono ammissibili esclusivamente i costi di acquisto da terzi, purché la transazione sia avvenuta a condizioni di mercato. Non è ammissibile l’acquisto di un immobile da parenti fino al terzo grado dei soci, nel caso di società proponente, o del titolare, nel caso di ditta proponente, nonché dal coniuge del titolare o dei soci.

Le spese di progettazione ingegneristica e di direzione lavori sono ammissibili nel limite del 5% delle spese relative alle opere murarie e assimilabili.
L’IVA può costituire una spesa ammissibile solo se essa è realmente e definitivamente sostenuta dal singolo destinatario e non recuperabile.

NON SONO AMMISSIBILI:
• le spese notarili e quelle relative a imposte e tasse;
• le spese relative all’acquisto di scorte;
• le spese relative all’acquisto di macchinari ed attrezzature usati;
• i titoli di spesa regolati in contanti;
• le spese di pura sostituzione;
• le spese di funzionamento in generale;
• le spese in leasing;
• tutte le spese non capitalizzate;
• le spese sostenute con commesse interne di lavorazione, anche se capitalizzate ed indipendentemente dal settore in cui opera l’impresa;
• i titoli di spesa nei quali l’importo complessivo dei beni agevolabili sia inferiore a 500,00 euro;
• acquisto di beni non strettamente funzionali e non a uso esclusivo dell’attività d’impresa;
• acquisto di beni facilmente deperibili quali ad esempio biancheria da tavola, biancheria da bagno, stoviglie, utensili da cucina;
• acquisto di mezzi mobili non sono ammissibili le spese di IPT, messa su strada, immatricolazione;
• le forniture attraverso un contratto “chiavi in mano”.
Non sono ammissibili le spese relative all’attività di ricevitoria, commercio al dettaglio di generi
di monopolio e le attività di giochi, lotterie e scommesse.

TIPO ED ENTITÀ CONTRIBUTO
A) L’aiuto sarà erogato in forma di contributo in conto impianti determinato sul montante degli interessi a valere su un finanziamento erogato da un Soggetto Finanziatore.
L’intensità di aiuto, calcolata in base ai costi ammissibili del progetto, non potrà superare il 35% per le medie imprese;
Il 45% per le piccole imprese e microimprese.
Per tutte le domande di agevolazione presentate dal soggetto finanziatore tale contributo verrà riconosciuto in misura pari all’Interest Rate Swap (Euribor 6 mesi versus tasso fisso) denaro, in euro a 10 anni [10Y/6M], pubblicato
sul quotidiano “Il Sole 24 Ore” il giorno della stipula del finanziamento da parte del Soggetto Finanziatore, maggiorato di uno spread pari al 5%(500 punti base) per le domande presentate fino al 31/12/2018.
Qualunque sia la maggior durata del contratto di finanziamento, il contributo sarà calcolato con riferimento ad una durata massima del finanziamento (comprensivo dell’eventuale periodo di preammortamento) di:
• sette anni più eventuale preammortamento di due anni per i finanziamenti destinati alla creazione, all’ampliamento e/o all’ammodernamento dello stabilimento;
• cinque anni più eventuale preammortamento di un anno per i finanziamenti destinati all’acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti e licenze.
Le agevolazioni saranno calcolate, indipendentemente dall’ammontare del progetto ammissibile, su un importo finanziato massimo di:
• euro 2.000.000,00, in caso di piccole e microimprese;
• euro 4.000.000,00, in caso di medie imprese.

B) Per gli investimenti in nuovi macchinari ed attrezzature potrà essere erogato un contributo aggiuntivo in conto impianti che non potrà essere superiore al 20% dell’investimento e all’importo massimo di euro 800.000,00 per le medie imprese e di euro 400.000 per le piccole e microimprese.
I progetti di investimento iniziale devono essere avviati successivamente alla data della presentazione della domanda di agevolazione al Soggetto Finanziatore.
Gli aiuti di cui al presente Avviso sono cumulabili:
• con gli aiuti al finanziamento del rischio di cui al Titolo III del Regolamento;
• con gli aiuti de minimis di cui al Regolamento Regionale n.15 del 01/08/2014.

Allegati

  • Scheda

Sei interessato ...?

Se sei interessato a questo o a qualsiasi altro dei nostri servizi, vuoi ricevere maggiori informazioni o vuoi semplicemente rimanere aggiornato sulle attività ed i servizi di FIDIT, compila il form automatico che trovi a destra, verrai ricontattato da un nostro operatore.